USCITA 8 DEL 6/05/18 – Cavùr ricorda…

Tra le tante gioie che la montagna mi concede, ce n’è una che non ho ancora compreso se è un dono speciale che riserva a me, o se lo elargisce a tutti i suoi estimatori: quando raggiungo una vetta che ho già salito, si apre una sorta di varco temporale; rivivo in istanti vividi la gita precedente, rivedo il me più giovane, ricordo la fase di vita che stavo attraversando, le circostanze ed i compagni di allora. E questo effetto rievocativo mi è ispirato non solo dalla cima su cui mi trovo, ma anche dalle vette circostanti: ad esempio, sullo spartiacque Val di Susa – Val Chisone, specie nel Parco Orsiera Rocciavrè che ho percorso in lungo ed in largo, il panorama delle vette diventa una sorta di film dell’esistenza: quando sono stato sul Pintas avevo appena dato la maturità, sul Villano sono salito con Tizio dopo un esame all’università, sulla Cristalliera ci sono stato appena assunto, ecc.

Orbene, su Piramide Vincent sono salito il 29 e 30 maggio 1993; su Punta Gniffetti 26 e 27 maggio 1990. Quindi, quando domenica sono giunto in vetta, il mio sguardo spaziava tra le splendide cime del Rosa, ma anche tra i ricordi.

Quasi trent’anni…. Molti dei miei compagni che oggi sono con me non erano ancora nati, o facevano i primi passi, inseguiti dalla mamma con l’omogeneizzato. Altri, invece, c’erano già allora.
C’era Vitto, l’amico della montagna, amico di una vita, sia nella salita alla Vincent che in quella a Punta Gniffetti. Una foto appesa in casa mia ci ritrae abbracciati sulla balconata di Capanna Margherita: l’Enrico di allora ha una faccia stravolta, ma è entusiasta (nel senso etimologico, en theos, “con Dio dentro di sé”).

Vitto c’era anche sulla Vincent: eravamo io, lui, ed una sua fidanzata di allora, una graziosa biondina; lui ci aveva lasciato indietro, e lo ricordo lontano, già vicino alla punta, mentre io ero a metà dell’ultimo pendio, accanto alla biondina .. che vomitava (la storia finì poco dopo.. non so se la condotta di gita tenuta dallo sciagurato nell’occasione abbia contribuito alla saggia decisione della fanciulla).

C’era Dario, agli esordi della carriera da leader maximo, che nel comunicare i gruppi della salita alla Gniffetti mi disse: “Ti ho messo con quelli che non arriveranno in cima”. Ci azzeccò, nel senso che tutti quelli del mio gruppo diedero forfait, eccetto il sottoscritto, che dopo la sua frase era determinato ad arrivare in vetta a costo di trascinarsi sulle gengive.. Peraltro, non posso biasimarlo: era il periodo in cui praticavo lo sci alpinismo con discontinuità (non come ora, in due anni 16 gite su 16); ero giovane, distratto da mille passioni, convinto che l’allenamento fosse un optional sostituibile con ferrea volontà alfieriana (un anno, come mia prima gita, mi presentai all’uscita della Scuola al Gran Paradiso …).

Tra i compagni della salita alla Gniffetti del 1990 non posso non ricordare Aldo Frola, mitico istruttore della mia giovinezza, che  vedendomi spalmato a terra nei pressi del Col del Lys (mi sentivo come un alpino in ritirata dal Don…),  mi incoraggiò, non amorevolmente come ora fanno gli istruttori, ma con lo stile del tempo: un laconico e perentorio “Così su non ci arrivi, non fermati più e tieniti attaccato alle code dei miei sci”.

In questa salita del 2018, c’erano invece molti amici assenti tre decenni fa. Innanzitutto,  i miei compagni di cordata, Enrico, in versione Gandalf il grigio, e Thea. C’era Loby,  che ha vomitato il piloro, in cima ha rifiutato la mia crema di peperoni, ma in cima stoicamente ci è arrivata. C’era Laura, che ha fatto una grande relazione, ma una strepitosa salita; l’ho battezzata la “vestale dello sci alpinismo mite”, ma mi sto ricredendo… ripellare è una pratica inconciliabile con la nostra dottrina. C’era la Resty, che affronta i pendii con piglio di virgo bellatrix, vergine guerriera, novella Camilla di virgiliana memoria, ma sfoggia all’occorrenza un cuore di mamma, pronta a soccorrere un’allieva accasciatasi al suolo, accasciandosi accanto a lei. C’era Luca, che continua brillantemente la tradizione della tribù dei Berta, le guide navajos del CAI UGET. C’era Sara Dughi, che praticamente ho visto in fasce ed ora sprinta sui pendii (se la carica di Diretùr fosse ereditaria, saremmo già a posto per il prossimo mezzo secolo…). C’era quel persistente odore di fiori di arancio che ci ha accompagnato per tutta la stagione… C’era – ma non solo domenica, anche trent’anni fa –  il mio fedele imbrago, complicato, obsoleto, ma a cui sono tremendamente affezionato.. Lo so, lo sci alpinista moderno ormai segue la settimana della moda a Milano per individuare il colore per l’attrezzatura, ma io sono “antico”, come dicono i miei figli…

C’erano in tanti in questa salita, in una giornata benedetta dal meteo oltre ogni aspettativa, che ha chiuso in maniera splendida l’ennesima splendida stagione. Non li posso ricordare tutti qui, ora, ma sicuramente li ricorderò quando farò di nuovo la Gniffetti o la Vincent… tra trent’anni!!

Cavùr

Lascia un commento