17/2/2013 Testa di Crevacol

Chissà com’è che per alcuni 960m di dislivello non solo non spaventano ma vengono superati con scioltezza e tutt’al più due gocce di sudore proprio perché gli ultimi cento metri, come è consuetudine, occorre tirare e dare il meglio, mentre per altri la salita risulta pressoché eterna e illuminata da visioni mistiche? Sarà forse l’allenamento che fa la differenza? E allora vai, domenica prossima, 24 febbraio, si ripete, altra gita per fare fiato e gambe, ma soprattutto per scoprire altre pagine dello scialpinismo, approfondire l’inversione, riprovare ad usare l’artva, imparare ad usare la cartina, e poi…divorare le torte preparate con cura la sera prima. A proposito: qualche torta salata in più? e magari ancora delle bottiglie di vino per annaffiarle…. Grazie Stefano per la cassa di birre!!!!

Ora godetevi le foto della gita di domenica alla Crevacol …e mandate una bella relazione!

Lascia un commento